Ristorazione al futuro: idee, un pizzico di ottimismo e una spolverata di fiducia

In questi giorni difficili in cui impazzano immagini di preparazioni casalinghe e si cerca di distrarre la mente da notizie sempre più allarmanti, è bello tornare a pensare ai momenti di convivialità di qualche mese fa. Per gli appassionati di enogastronomia – è inutile negarlo – questi attimi di felicità sono perlopiù legati a esperienze gustative di rilievo, molte delle quali sono oggi precluse e sembrano sbiadire come i colori di una vecchia cartolina. ll virus ha infettato le nostre sicurezze, si è insinuato, intossicandola, nella sfera predittiva dei nostri enunciati e ha bloccato nella sua incerta evoluzione il futuro possibile. L’attitudine previsionale si ferma all’organizzazione della spesa settimanale. Facciamo i conti con una quotidianità stravolta dall’eccezionalità della situazione. C’è però un modo per riappropriarci di tempi verbali ormai desueti che alimentano la speranza e possono contribuire ad aiutare un settore, come quello della ristorazione, in grave difficoltà.

In Italia l’idea è venuta per primo a Mauro Stopponi del ristorante I Sette Consoli  indirizzo storico di Orvieto, conosciuto e apprezzato da gourmet e appassionati che ha preso spunto da un modello di promozione solitamente utilizzato sotto le feste natalizie: acquistare un buono per una cena da regalare. Estendendo questo modello, il ristorante I Sette Consoli propone un acquisto di uno o più buoni del valore di €50,00 da spendere al momento della riapertura, a emergenza finita: “Cari Amici, Cari Clienti, è ora di cercare di collaborare e di uscire quanto prima da questa terribile situazione. –si legge sulla pagina Facebook del ristorante – Se vorrete ci potrete sostenere con dei buoni, dei “voucher” da pagare anticipatamente e da spendere per un pranzo, per una cena o per l’acquisto di Vini (chiaramente a prezzo di Enoteca) presso di noi”.

I buoni saranno validi per ogni giorno di apertura, festivo o meno.

“E se – aggiunge Mauro Stopponi –  per qualche malaugurato caso non dovessimo riaprire più il Ristorante, i buoni saranno validi per l’acquisto di Vini. Chi ci volesse aiutare, ci contatti in privato sulla pagina FB, su Messenger o sui nostri contatti telefonici”.

È una maniera per mantenere attivo quel rapporto di fiducia che si instaura con il cliente e può essere un bel modo per ripristinare  pensieri al futuro.

Altri hanno seguito questa strada in tutta Italia declinandola su diverse possibilità, dai buoni per cene o per menu degustazione, a sconti o altre promozioni che fioriscono sui siti e sui social di diversi locali. Molte di queste iniziative sono raccolte nell’articolo dedicato all’argomento da   www.gamberorosso.it

E mentre nel Bel Paese si è lasciato spazio alla libera iniziativa e a una più umana creatività, negli  Stati Uniti la necessità di aiuto del settore ristorazione, fermo per arginare la diffusione del Covid-19,  ha portato al lancio dei “dining bonds” – titoli di acquisto che funzionano come una sorta di obbligazioni per cui il servizio che si riceverà al momento della “riscossione” sarà maggiore rispetto al valore nominale acquistato– e alla creazione della piattaforma supportrestaurants.org.

L’immagine in evidenza è tratta dalla pagina Facebook del ristorante I Sette Consoli

Ti piace questo articolo?

Condividi su facebook
Condividilo su Facebook
Condividi su twitter
Condividilo su Twitter
Condividi su linkedin
Condividilo su Linkdin
Condividi su whatsapp
Condividilo su Whatsapp

Spazio disponibile

Per la tua pubblicità in questo spazio contatta advertising@carlozucchetti.it

Ultimi articoli

Iscriviti alla Newsletter di Carlo Zucchetti