Le proposte sull’IVA della FIVI

Sono principalmente tre le azioni che i Vignaioli chiedono: IVA agevolata sul vino al 10% fino ad almeno il 31/12/2023; IVA relativa alle cessioni di vino, diventi esigibile al momento dell’incasso della fattura. sospensione del versamento dell’IVA relativa alle fatture già emesse da marzo.

La Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti scrive alla Ministra delle Politiche Agricole Teresa Bellanova  e al Ministro dell’Economia e delle Finanze Roberto Gualtieri.
Sono principalmente tre le azioni che i Vignaioli chiedono:

  • IVA agevolata sul vino al 10% fino ad almeno il 31/12/2023;
  • IVA relativa alle cessioni di vino, diventi esigibile al momento dell’incasso della fattura.

Il primo comma dell’articolo 6 del DPR 633/72 prevede infatti che le cessioni di beni mobili si considerano effettuate nel momento della loro consegna o spedizione.
Alla luce della situazione che ha portato alla sospensione di tutte le attività di somministrazione, tenuto conto che la loro ripresa ed il loro ritorno a livelli economici pre-pandemia saranno incerti, difficoltosi e lunghi, la Fivi ha chiesto ai Ministri che, fino al 31/12/2023, l’IVA relativa alle vendite di vino all’Ho.Re.Ca sia esigibile solo al momento dell’incasso delle fatture e non al momento della consegna o della spedizione.

  • sospensione del versamento dell’IVA relativa alle fatture già emesse da marzo.

Per le vendite già effettuate, da marzo in avanti, e per le quali è già stata emessa la relativa fattura di vendita, la FIVI richiede che l’IVA sia considerata “in sospeso” (come avviene per le cessione alla Pubblica Amministrazione) e che diventi esigibile soltanto all’atto dell’incasso

Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti
info@fivi.it

Facebook

Instagram

Ti piace questo articolo?

Condividi su facebook
Condividilo su Facebook
Condividi su twitter
Condividilo su Twitter
Condividi su linkedin
Condividilo su Linkdin
Condividi su whatsapp
Condividilo su Whatsapp

Spazio disponibile

Per la tua pubblicità in questo spazio contatta advertising@carlozucchetti.it

Ultimi articoli

Iscriviti alla Newsletter di Carlo Zucchetti