Vernaccia2018

Vernaccia di San Gimignano 2018. Sempre più puntuale

by • 13 aprile 2018 • BereComments (0)

Da qualche anno l’Anteprima della Vernaccia di San Gimignano sta evidenziando un cambiamento lento. Progressivo. Un movimento in avanti. Segnato da un ampliamento delle aziende che lavorano in qualità. E sempre di più dalla scelta di lavorare in purezza. Con attenzione alla longevità. Dalla nostra degustazione alla cieca se ne comprende il senso. I campioni 2017 dimostrano che è ancora presto per coglierne la complessità. Per renderle giustizia. Un’annata tra l’altro non semplice. Non tra le migliori per i bianchi. Come sempre, solo chi ha condotto una gestione agronomica puntuale ha portato a casa buoni risultati.
La 2016 testimonia come nella longevità la Vernaccia si riesca a esprimere senza vincoli. Liberamente.

Questi sono i vini che ci sono piaciuti in rigoroso ordine alfabetico. Hanno degustato con me Francesca Mordacchini Alfani e Riccardo Roselli.

Vernaccia 2017:

Cantine Guidi

Il Colombaio di Santa Chiara Selvabianca

Il Palagione Hydra

Signano

Tenuta Le Calcinaie

Vernaccia 2016:

Cappellasantandrea Rialto

Casale Falchini Ab Vinea Doni

Fontaleoni Casanuova

Il Colombaio di Santa Chiara Campo della Pieve

Palagetto Ventanni

Panizzi Vigna Santa Margherita

Teruzzi Sant’Elena

 

Vernaccia Riserva 2015:

Cesani Sanice

Il Colombaio di Santa Chiara L’Albereta

Tenuta Le Calcinaie Vigna ai Sassi

 

Vernaccia Montenidoli Carato 2012

logo_NEW

Consorzio della Denominazione San Gimignano

Via di Fugnano, 19
53037 San Gimignano (SI)
0577 940108 

info@vernaccia.it
www.vernaccia.it

Facebook

About Carlo Zucchetti

Ama il lago, le buone letture, la Roma, il vino, ma non necessariamente in questo ordine. Difficilmente si tratterrà dal dire la sua se qualcosa non lo convince. Ha sempre creduto nel valore del territorio e delle tradizioni locali, al cibo e al vino come elementi culturali e identitari, è tra i soci fondatori di Arcigola e Slow Food e ha messo in pratica le sue idee in un famoso ristorante di Viterbo. Da allora ha diffuso il verbo del buon bere e del mangiare bene e ha contribuito al propagarsi di una maggiore consapevolezza etilica. Da qualche anno ha deciso di dedicarsi più attivamente alla comunicazione dei giacimenti enogastronomici della Tuscia e questo blog è solo uno dei risultati.

Pin It


Post Correlati

Lascia un commento

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, CONSULTA LA COOKIE POLICY. Cliccando sul pulsante \"Accetta i cookie\" acconsenti all’uso dei cookie. CONSULTA LA COOKIE POLICY | Accetto i cookie