Immagine

Sequerciani, un sogno in bottiglia…

by • 29 maggio 2019 • BereComments (0)

Mani stanche, mani vissute. Sporche di terra. Pulite dalla tenacia e dall’amore per la natura.
Un grappolo e la delicatezza di due dita quasi ad accarezzarne un acino. VINO_Gallery_021
Così si presenta l’immagine di Sequerciani. Azienda giovane e “voluta”, creata strappando terreni al disuso e all’incuria.”Solo uva, sole e terra” il motto che fa da guida nella produzione. WhatsApp Image 2019-05-29 at 19.30.18(1)Conduzione naturale (in tutto) per credo, non per scelte che subentrano dopo la cantina. Qui il rispetto per la terra è voluto prima ancora che si sappia se il prodotto finale sarà imbottigliato (così insegnano annate sfavorevoli come la ’17, in cui circa il 25% del vino non ha mai visto vetro…).
Gavorrano, Colline Metallifere dell’alta Maremma Grossetana, galeotte furono delle vacanze potermmo dire. E’ così che un sogno si è impossessato della vita di Ruedi Gerber, regista svizzero proprietario dell’azienda, che da quel giorno ha inseguito quella che anni dopo è divenuta realtà.WhatsApp Image 2019-05-29 at 19.30.17
Vino da uve storicamente presenti, nulla di più. Si spazia così dal Vermentino, al Verment’Oro, affinato in barriques e anfore. Il Libello, primo rosso della gamma, è un blend di Sangiovese e Ciliegiolo, con macerazione carbonica per il Sangiovese e affinamento di alcuni mesi in anfora.
In questo tributo ai vitigni locali le produzioni dell’azienda si chiudono con due vini da uve quasi dimenticate, Pugnitello e Foglia Tonda, entrambi con passaggi in anfore e barriques, e con un passito da Aleatico anch’esso con passaggio in terracotta.

A completare le produzioni di Sequerciani, grappe biologiche distillate nella zona, olio, miele e pasta da grani antichi provenienti dai 15 ettari dedicati alle coltivazioni.

Così dunque la degustazione voluta da Sequerciani al ristorante Il Ceppo di Roma è stata un’occasione di conoscere l’intera gamma, e soprattutto l’idea che guida l’azienda magistralmente raccontata da Paolo Menichetti l’enologo e proprietario di quelle mani “sporche” di passione e dedizione.
In fondo come dice Ruedi Gerber, un sogno è tale se si prova a realizzarlo, sennò tanto vale dimenticarlo…
Sequerciani c’è riuscito, e noi l’abbiamo visto e degustato…

Podere Sequerciani
Strada Provinciale Tatti
58023 Gavorrano (GR)
0566 028053

Facebook

About Riccardo Roselli

Classe 1984, romano e Romanista. Dopo la formazione universitaria si dedica al cibo e l’enogastronomia in generale. Ottenuta la qualifica professionale di Sommelier, un diploma di primo livello Onaf e un attestato professionale in una scuola di cucina, collabora con la Fisar in servizi, degustazioni ed eventi. Consulente in enoteche per carte dei vini e organizzazioni del food e beverage con ristoranti e catering, si diletta scrivendo articoli enogastronomici e organizzando eventi e piccole manifestazioni.

Lascia un commento

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, CONSULTA LA COOKIE POLICY. Cliccando sul pulsante \\\"Accetta i cookie\\\" acconsenti all’uso dei cookie. CONSULTA LA COOKIE POLICY | Accetto i cookie