vtbere tessera

Nuove aperture o quasi : ViterBere

by • 4 luglio 2018 • In Tuscia, NotizieComments (0)

La chiusa lentezza di Viterbo si è aperta ormai da qualche anno a un sommesso, ma costante fermento che porta interessanti novità in città e sta avviando un processo al rialzo della qualità e della diversificazione dell’offerta. E in questa scVTBEREia si pone a pieno diritto Viterbere, locale in via Valle Piatta che si presenta in un design essenziale riscaldato dall’uso di materiali e cromie, curato da uno studio di giovani architetti:  DL2 Studio. Una nuova apertura per modo di dire, visto che Viterbere è stato inaugurato a dicembre 2017, ma nel mondo della ristorazione 7 mesi si possono considerare un tempo tutto sommato breve in cui mettere davvero a punto il progetto. Soprattutto quando si parla di nuovi format e modalità di fruizione diverse. In questo caso l’offerta si focalizza in particolare sul vino di cui sono disponibili al calice 52 etichette comprese bollicine (48 divisi fra bianchi e rossi e 4 bollicine). Questo grazie alla tecnologia delle macchine Enomatic wine.

E la parte divertente deve ancora venire. Già perché il cliente potrà con tutta calma lasciarsi ispirare dalle bottiglie e scegliere quale e quanto vino bere. Come? Usando una Card ricaricabile pVTBERE2ersonale, nominativa   e a prova di distratto, infatti è registrata e in caso di smarrimento non perderete la ricarica effettuata. Inoltre  potrete decidere tra tre quantitativi: 25 cc assaggio, 75 cc quantità da abbinamento, 150 cc per pasteggiare. VTbere3L’offerta cambia settimanalmente per cui non c’è timore di annoiarsi. E per gli eventi si degusta confrontando  zone e regioni enologiche.   Ovviamente non si beve a stomaco vuoto: finger food, taglieri e panini d’autore tutti rigorosamente territoriali, con una selezione attenta di prodotti solleticheranno palato e vista. La mano che li prepara (e soprattutto la mente che li pensa) è quella esperta di Stefania Mancini. L’idea di Viterbere viene dall’esperienza di scelta al calice di Enotria, il ristorante di Stefania e del figlio  Marco Rappuoli che è proprio qui accanto. È stato Pino Groccia, storico ristoratore viterbese dalla profonda conoscenza del mondo del vino a suggerire l’idea di  riproporre,  ripensandola,  la possibilità di lavorare sulla degustazione al calice. Marco Rappuoli e Lorenzo Groccia (figlio di Pino) ne  hanno fatto  il perno centrale di Viterbere. E in sala per orientarvi meglio sulle scelte, per un consiglio e per qualche notizia in più sui vini c’è Michele, enologo esperto.

Novità di questi giorni è il GelaVino, gelato “caldo” al vino che permette di mantenere intatti gusto e odore  del vino.

E se servisse una bottiglia a domicilio c’è il numero verde 800 911 761  S.O.S. DRINK

Viterbere
Via Valle Piatta, 5, 01100 Viterbo VT
tel.339 191 0856

Facebook

 

About Francesca Mordacchini Alfani

Amante di tutto ciò che fa perdere tempo e contribuisce a trascurare la concretezza, aiutata in questo da astratti studi umanistici, ha la passione tra l’altro per fumetti, serie tv, lettura e scrittura. Proviene dal mondo editoriale, si è occupata di guide di cucina, ama la grafica e l’impaginazione e per motivi familiari ha da sempre un profondo legame con il mondo agricolo.

Lascia un commento

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, CONSULTA LA COOKIE POLICY. Cliccando sul pulsante \\\"Accetta i cookie\\\" acconsenti all’uso dei cookie. CONSULTA LA COOKIE POLICY | Accetto i cookie