Fdv Turchetti

La rubrica del vino del Messaggero. Fuori Fabio Turchetti dentro Franco Maria Ricci

by • 24 aprile 2018 • NotizieComments (0)

Non vogliamo entrare nel merito e nelle motivazioni della scelta, ognuno farà le proprie considerazioni analizzando questa sostituzione. E da popolo di allenatori, se vogliamo rimanere nella metafora calcistica, non mancheranno certo commenti all’accaduto. Tutti noi che lavoriamo in questo meraviglioso e controverso (o perverso?) mondo del vino faremo le nostre valutazioni. E per questo è bene sottolineare che chi viene messo in panchina dal Messaggero ha condotto la rubrica del vino con professionalità, seguendo con coerenza un pensiero chiaro, mantenendo sempre indipendenza, correttezza e rigore critico. Un lavoro serio e importante che ha dato voce a grandi e piccole aziende lasciandosi guidare soltanto dal proprio giudizio, senza condizionamenti.
Martedì mattina ci mancherà la penna vivace di Fabio Turchetti, il guizzo brillante della sua scrittura e del suo sguardo ironico, mai sopra le righe. Speriamo di poterne godere presto in altre pagine.

Di seguito la lettera di Fabio Turchetti in cui spiega la situazione.

Carissime, Carissimi,

vi ruberò solo poco tempo per salutarvi e ringraziarvi con affetto.
Per chi non lo sapesse alcuni giorni fa, dopo sedici anni ininterrotti, la rubrica sul vino inclusa fra le pagine nazionali del Messaggero di Roma, a mia cura, è stata affidata a quella di Franco Maria Ricci, Presidente della Fondazione Italiana Sommelier.
A comunicarmi l’allontanamento, presumo deciso dall’editore e/o daldirettore, nulla di più che una telefonata fredda e sintetica rivoltami da un nuovo caporedattore, di cui non ricordo il nome, che mi indicava di soprassedere sull’invio dei pezzi fino a nuovo ordine,ordine che ovviamente non sarebbe mai arrivato: anche se capisco perfettamente che la frenetica vita redazionale, nonché il continuosusseguirsi di notizie su cui dover lavorare, potrebbe spesso non collimare con l’eventuale perdita di tempo nei confronti di un collaboratore che si intende congedare su due piedi.
Mi fa comunque piacere constatare come la rubrica sia oggi in buonissime mani. Come dubitarne, d’altronde, conoscendo quanto abbia fatto lo stesso Ricci per la conoscenza, la cultura, la divulgazione,la diffusione e la distribuzione del vino di qualità: elementi, questi, per cui vorrei anche tranquillizzare quelle voci che hanno manifestato alcune perplessità su quello che potrebbe rappresentare il nuovo spazio del Messaggero rispetto ai contenuti trascorsi, tesi a dar conto e voce a tutte le istituzioni, le associazioni e i principali soggetti del mondo del Bacco nazionale. Ritenere, come qualcuno sostiene, che affidare una rubrica sul vino al presidente di una specifica associazione sia come far redigere la cronaca del derby Roma-Lazio a Francesco Totti, non può che essere frutto di malafede o di mala  informazione: sono certo, anzi certissimo, che proprio grazie allo spessore umano e professionale e allo spirito accomodante e democratico costantemente legato al modus operandi di Franco Maria Ricci, continueranno ad esser raccontate tutte le voci di cui sopra, così come le diverse guide enoiche pubblicate nel nostro Paese o le molteplici iniziative che riguarderanno l’AIS così come l’ONAV, Slow Food oppure la FISAR, per citarne qualcuna. Guardando, com’è costume del suo Presidente, anche oltre i confini della Fondazione, e rifuggendo quindi dalla trappola di farne una propria appendice, pur se collocata su un quotidiano di prestigio. Non mi rimane quindi che rivolgere i più sentiti auguri ai miei successori: con voi tutti, comunque, ci si vedrà sicuramente presto, da qualche parte come sempre. Ancora grazie del tempo dedicatomi, buon lavoro e in bocca al lupo.
Fabio Turchetti

About Francesca Mordacchini Alfani

Amante di tutto ciò che fa perdere tempo e contribuisce a trascurare la concretezza, aiutata in questo da astratti studi umanistici, ha la passione tra l’altro per fumetti, serie tv, lettura e scrittura. Proviene dal mondo editoriale, si è occupata di guide di cucina, ama la grafica e l’impaginazione e per motivi familiari ha da sempre un profondo legame con il mondo agricolo.

Lascia un commento

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, CONSULTA LA COOKIE POLICY. Cliccando sul pulsante \\\"Accetta i cookie\\\" acconsenti all’uso dei cookie. CONSULTA LA COOKIE POLICY | Accetto i cookie