001703_fotog

Etna Grand Tour 2014 A Roma Mercoledì 4 Giugno 2014

by • 1 giugno 2014 • EventiComments (0)

 C’è attività non solo a livello magmatico, ma anche sulle falde dell’Etna, il grande vulcano catanese mai sopito. Ed è un fermento positivo, espresso dai produttori vitivinicoli di spessore, siciliani e non, che hanno scelto di scommettere sugli impervi terreni sabbiosi, ricchi di scheletro, che ricoprono le pendici del cratere. Una terra certamente difficile, ma meravigliosa, profondamente dedita alla viticoltura sin dall’antichità, come testimoniano gli scritti del poeta Teocrito nel III secolo a.C.. Doc dal 1968 – tra le prime in Italia – negli ultimi dieci l’Etna Doc anni ha saputo richiamare l’attenzione della critica e degli appassionati sulla sua produzione vinicola, grazie alla qualità dei suoi Nerello Mascalese e dei suoi Carricante, vini di indiscutibile eleganza e capaci di manifestare una forte mineralitàOltre 30 aziende presenteranno in degustazione i propri vini, per farci sentire tutto il calore e la forza della loro terra.

Ecco l’elenco delle aziende partecipanti:
AITALA GIUSEPPE RITA
AL-CANTÀRA
ALTA MORA
AMPELON
BARONE DI VILLAGRANDE
BENANTI
BIONDI
CANTINE RUSSO
CANTINE VALENTI
COTTANERA
DESTRO
EDOMÈ
EMMI VERUCCIA
FATTORIE ROMEO DEL CASTELLO
FEUDO CAVALIERE
FEUDO VAGLIASINDI
FISCHETTI
GIROLAMO RUSSO
GRACI
I CUSTODI DELLE VIGNE DELL’ETNA
IRENE BADALÀ
LA GELSOMINA
NICOLA GUMINA CASTIGLIONE DI SICILIA
NICOSIA
PATRIA
PIETRADOLCE
PLANETA
PRIMATERRA
TASCA D’ALMERITA TENUTA TASCANTE
TENUTA DI FESSINA
TENUTA MASSERIA SETTEPORTE
TENUTA MONTE GORNA
TENUTA MONTE ILICE
TENUTE MANNINO DI PLACHI
TERRAZZE DELL’ETNA
TERRE DELL’ETNA
VINI BIONDI

About Carlo Zucchetti

Ama il lago, le buone letture, la Roma, il vino, ma non necessariamente in questo ordine. Difficilmente si tratterrà dal dire la sua se qualcosa non lo convince. Ha sempre creduto nel valore del territorio e delle tradizioni locali, al cibo e al vino come elementi culturali e identitari, è tra i soci fondatori di Arcigola e Slow Food e ha messo in pratica le sue idee in un famoso ristorante di Viterbo. Da allora ha diffuso il verbo del buon bere e del mangiare bene e ha contribuito al propagarsi di una maggiore consapevolezza etilica. Da qualche anno ha deciso di dedicarsi più attivamente alla comunicazione dei giacimenti enogastronomici della Tuscia e questo blog è solo uno dei risultati.

Lascia un commento

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, CONSULTA LA COOKIE POLICY. Cliccando sul pulsante \\\"Accetta i cookie\\\" acconsenti all’uso dei cookie. CONSULTA LA COOKIE POLICY | Accetto i cookie