E59E9AB4-82FE-415F-A4E4-3057655862E5

Enea: marchio “green” per valorizzare prodotti made in Italy

by • 28 febbraio 2020 • Notizie, Senza categoriaComments (0)

Caffè, formaggio, prodotti da forno, gelati, ortofrutta, cosmetici, serramenti e il pellame.  Valorizzare quanti tra queste categorie eccellenze del Made in Italy, hanno le migliori prestazioni ambientali. E’ questo lo scopo del progetto Life Magis (Made Green in Italy Scheme), coordinato dall’Enea (Ente nazionale energia ed ambiente), attraverso la diffusione del marchio “Made Green in Italy” (MGI), per diffondere la valutazione dell’impronta ambientale dei prodotti (PEF), in linea con le iniziative europee per la promozione della green economy. Le aziende coinvolte sono 21. Questi invece i partner dell’iniziativa, in rappresentanza dei settori che sono direttamente coinvolti: Apo Conerpo, Cosmetica Italia, Consorzio per la Tutela del Formaggio Pecorino Romano, Legnolegno, Lineapelle Unione Italiana Food, ed anche università quali la Scuola Universitaria Superiore Sant’Anna di Pisa, l’ Istituto per la Bioeconomia del CNR e l’ Università Tecnica di Aquisgrana (RWTH), una delle università più grandi in Germania. Il progetto, come sottolineato dal responsabile scientifico Sara Cortesi: “ prosegue un percorso già avviato nei progetti Pefmed e Life Effige sulla comunicazione dell’impronta ambientale di prodotto, la promozione di una crescita sostenibile e il sostegno alle aziende italiane nella valorizzazione delle produzioni nazionali”. Punto di partenza del progetto guidato da Enea, lo sviluppo di regole “di categoria di prodotto e classi di prestazione ambientale”. Enea, che nel progetto guiderà la sperimentazione dell’intero processo previsto dal regolamento del Made Green in Italy, garantirà la conformità con le indicazioni nazionali ed europee,  e la loro applicazione in oltre 21 aziende dei settori coinvolti, ma anche attività per la valutazione della percezione del marchio da parte dei consumatori e il potenziamento degli strumenti di comunicazione verso clienti e consumatori finali. Prevista inoltre la realizzazione di una banca dati pubblica per aiutare le aziende ad aderire al marchio.

Lascia un commento

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, CONSULTA LA COOKIE POLICY. Cliccando sul pulsante \\\"Accetta i cookie\\\" acconsenti all’uso dei cookie. CONSULTA LA COOKIE POLICY | Accetto i cookie