AD2A4546-3B77-4BDB-9101-CCDB0AFCA424

Dolci, export: record storico nel 2019. Il gelato in vetta con consumi record.

by • 17 febbraio 2020 • NotizieComments (0)

I dolci italiani mettono a segno nel 2019 un primato storico nelle esportazioni: 1,5 miliardi per effetto di un aumento record dell’11%. Questo è quanto emerge dalle proiezioni Coldiretti su dati Istat relativi ai primi dieci mesi per i prodotti della panetteria, della pasticceria o della biscotteria divulgate in occasione del salone internazionale Sigep a Rimini. Molteplici le ragioni di questo successo, a partire della tradizione di un settore che può contare su materie prime di qualità e alta creatività.  Il gelato in particolare registra nel 2019 oltre 3 miliardi di euro di consumi, tra le motivazioni sicuramente l’aumento delle temperature di 0,96 gradi superiori alla media del periodo. A livello globale e nazionale il settore risente dunque dei cambiamenti climatici che ha avuto come conseguenza la destagionalizzazione dei consumi del gelato, nonostante l’estate resti la stagione privilegiata per coni e coppette.  Il preferito continua ad essere quello artigianale nei gusti classici– come precisa Coldiretti – anche se ultimamente è aumentata l’offerta da parte di diverse gelaterie nell’offrire “specialità della casa” per raggiungere target diversi dell’abituale: ed ecco qui che ci troviamo di fronte a gelaterie naturaliste, dietetiche, esterofile e vegane, a chilometri zero con gusti locali espressione di prodotti del territorio, dal produttore al consumatore, che non necessitano di essere trasportati con mezzi e quindi riducono l’impatto ambientale. Da segnalare infatti negli ultimi anni il boom delle agrigelaterie che garantiscono la provenienza della materia prima dalla stalla alla coppetta con gusti che vanno dal latte di asina a quello di capra fino alla bufala.  Le materie prime di qualità rivestono dunque un ruolo fondamentale nell’importanza della frutta e del latte freschi italiani per la preparazione del gelato, che a partire dalla sue origini, ovvero dalla prima metà del XVI secolo nella corte medicea di Firenze con sorbetti e cremolati, non ha mai smesso di essere apprezzato dai palati di tutto il mondo.

 

Lascia un commento

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, CONSULTA LA COOKIE POLICY. Cliccando sul pulsante \\\"Accetta i cookie\\\" acconsenti all’uso dei cookie. CONSULTA LA COOKIE POLICY | Accetto i cookie