calice

Dazi USA non toccano i prodotti italiani

by • 15 febbraio 2020 • NotizieComments (0)

La revisione della lista dei prodotti soggetti a dazi emanata dagli Usa a seguito della sentenza del Wto sul caso Airbus non tocca l’Italia.
Lo scorso ottobre  l’Organizzazione internazionale al commercio ha condannato l’Europa per gli aiuti di stato concessi ad Airbus ed ha autorizzato gli Stati Uniti a imporre dazi fino a 7,5 miliardi di dollari. Dazi che hanno colpito un lungo elenco di prodotti europei legati all’industria aerospaziale, e non solo, con tariffe del 25% che restano in vigore, come whisky, vini francesi, olive spagnole, formaggi italiani come Parmigiano e Grana, i salumi, la mortadella, i liquori come il Limoncello – pur non facendo parte l’Italia del consorzio Airbus.
Gli Usa hanno apportato solo lievi modifiche alla lista da cui è stato rimosso  il succo di prugna e sono stati aggiunti i coltelli da cucina importati da Francia e Germania.
Pericolo scampato?  Non del tutto. L’ufficio per il commercio Usa si riserva comunque di cambiare le merci colpite dalla tariffe.
Per il momento Washington, come annunciato dall’ufficio del rappresentante del Commercio americano, ha aumentato dal 10 al 15% i dazi sui velivoli Airbus importati dall’Europa a partire dal 18 marzo sulla base della sentenza Wto contro i sussidi pubblici europei al consorzio Airbus .

 Si allenta l’apprensione per le scelte USA in Italia: “Possiamo tirare un sospiro di sollievo dopo mesi di apprensione. Siamo grati al governo americano e alle nostre istituzioni per il gioco di squadra che ha permesso di escludere l’Italia dai Paesi colpiti dai dazi”. Ha dichiarato Giovanni Busi, presidente Consorzio Vino Chianti, sulla revisione dei dazi Usa che non colpisce i prodotti italiani. “Il mercato americano resta per noi punto di riferimento e asset fondamentale per il nostro export – aggiunge Busi -. Un Paese che negli ultimi decenni ha incrementato l’interesse e l’apprezzamento verso i nostri prodotti. Questa notizia ci fa riprendere la nostra attività con maggiore serenità, pronti a investire ancora di più”.

 

About

Lascia un commento

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, CONSULTA LA COOKIE POLICY. Cliccando sul pulsante \\\"Accetta i cookie\\\" acconsenti all’uso dei cookie. CONSULTA LA COOKIE POLICY | Accetto i cookie