chiantilovers 2017

Chianti Lovers. Un nome non solo af/fascinante

by • 15 marzo 2018 • BereComments (0)

Domenica 11 febbraio 2018. Chianti Lovers. Nome af/fascinante. Mettere insieme tutti i territori del Chianti. Per far capire che c’è altro oltre il fratello maggiore: il Chianti Classico. Iniziativa lodevole. Con molte insidie. Al netto di una astrusa e strampalata organizzazione dei materiali di degustazione. Era necessario leggere tre brochure differenti per arrivare a orientarsi. Abbiamo assaggiato, per la sua essentia, vini  molto differenti.  Per territorio, ovviamente. Per vinaggi. Per annata.
Alcune brevi considerazioni. Sulle sottozone. Chianti Montalbano, Chianti Montespertoli…  la localizzazione di aree ristrette  in un territorio così esteso come il Chianti non è immediata. Forse neanche per i Toscani. Mi chiedo quanto il termine Chianti, seppure conosciuto e disciplinato da secoli  riesca a qualificare territori interessanti, ma lontani e differenti. Credo che sia necessaria una riflessione sia sulla denominazione che sulla promozione  di queste  zone. Sull’ identità che possono conferire al vino. 
Di tutte queste denominazioni l’unica che spicca per coerenza territoriale e stilistica è, non a caso, la Rufina. Per storia. Per un lavoro che “viene da lontano”.

Per la prima volta era presente il Consorzio del Morellino di Scansano. Una novità  interessante da un lato. L’opportunità, per il Morellino, di farsi conoscere. Forse sarebbe stata probabilmente più logica dal punto di vista territoriale, e non solo, la sua presenza ad Anteprime di Toscana con la Maremma. 

Divertente. “Trendy”. La degustazione pomeridiana. Tanti giovani. Tecno commerciale sparata. Food. Un grande happening. Per noi “vecchi” degustatori una bestemmia. Per i giovani, per i produttori un approccio diverso. Vivace. Ho visto interesse. Attenzione. Voglia di.

Abbiamo assaggiato gran parte dei vini presenti professionalmente ed impeccabilmente assistiti da Paola Moretti, Sommelier nonché proprietaria  dell’azienda Querce Bettina di Montalcino, che ci ha guidati in un percorso degustativo ad ostacoli.
Abbiamo apprezzato, in ordine rigorosamente alfabetico:

Chianti D.O.C.G.  2017:
Agrisole; Badia di Morrona; Castello di Oliveto; Fattoria di Poggiopiano; Le Fonti; Melini; Sangervasio.

Chianti Colli Fiorentini 2016:
Fattoria di Bagnolo; Tenuta San Vito.

Chianti Colli Senesi D.O.C.G.  2017:
Ficomontanino.

Chianti Montalbano D.O.C.G.  2017:
Tenuta Artimino.

Chianti Rufina D.O.C.G.  2016:
Fattoria Il Lago.

Chianti Superiore D.O.C.G.  2016:
Fattoria di Poggiopiano;  Pieve de’ Pitti Cerretello; Pieve de’ Pitti Moro di Pava; Usiglian del Vescovo; Vignano.

Chianti D.O.C.G.  Riserva 2015:
Fattoria Casalbosco; Fattoria di Fiano Ugo Bing; Pieve de’ Pitti; Podere Ghisone; Tenuta San Jacopo; Villa Cilnia.

Chianti Colli Fiorentini Riserva 2015:
Castelvecchio.

Chianti Colli Senesi D.O.C.G.  Riserva 2015:
Ficomontanino; Tenuta Casabianca Belsedere.

Chianti Montalbano D.O.C.G.  Riserva 2015:
Fattoria di Faltognano; Tenuta Cantagallo Il Fondatore.

Chianti Rufina D.O.C.G. Riserva 2015:
Fattoria Selvapiana Vigneto Bucerchiale; Marchesi Gondi; Villa Travignoli.

Morellino di Scansano D.O.C.G. 2017:
Bruni; Poggio Brigante; Vignaioli del Morellino di Scansano.

Morellino di Scansano Riserva D.O.C.G. 2015:
Bruni; Fattoria San Felo; MottaTerenzi Madrechiesa.

www.consorziovinochianti.it

Facebook

www.consorziomorellino.it

Facebook

Chianti Lovers 2018

About Carlo Zucchetti

Ama il lago, le buone letture, la Roma, il vino, ma non necessariamente in questo ordine. Difficilmente si tratterrà dal dire la sua se qualcosa non lo convince. Ha sempre creduto nel valore del territorio e delle tradizioni locali, al cibo e al vino come elementi culturali e identitari, è tra i soci fondatori di Arcigola e Slow Food e ha messo in pratica le sue idee in un famoso ristorante di Viterbo. Da allora ha diffuso il verbo del buon bere e del mangiare bene e ha contribuito al propagarsi di una maggiore consapevolezza etilica. Da qualche anno ha deciso di dedicarsi più attivamente alla comunicazione dei giacimenti enogastronomici della Tuscia e questo blog è solo uno dei risultati.

Pin It


Post Correlati

Lascia un commento

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, CONSULTA LA COOKIE POLICY. Cliccando sul pulsante \"Accetta i cookie\" acconsenti all’uso dei cookie. CONSULTA LA COOKIE POLICY | Accetto i cookie